Cronache italiane
  Signora Ministra Gelmini
 
Lettera pubblicata dal "Corriere Romagna"

Signora Ministra Gelmini.
Ha avuto l'onore di un'intera pagina sul "Corriere della Sera" (4. 9), scritta dallo specialista in caste politiche Gian Antonio Stella. Lei appartiene ad una delle più potenti caste dell'Italia (non so che cosa accada all'estero), quella degli avvocati. Talmente potente che mezzo secolo fa un avvocato poteva insegnare anche Filosofia nei Licei, pur avendola studiata soltanto al Liceo. Non mi dica che non era una posizione di privilegio.
Anche oggi voi avvocati godete di tante posizioni di privilegio. Tutte cose legittime, beninteso, legittime perché siamo un po' gli eredi dell'Azzeccagarbugli ed un po' i nipotini di don Rodrigo. Stretti in questa morsa fatale, noi semplici cittadini che non contiamo nulla dobbiamo restare sempre con la bandiera bianca della resa davanti a voi potenti che prima fatte le vostre giuste cose, e poi le giustificate sapendo bene che ciò che conta non è la verità ma il modo con cui la si racconta. (Se dovessimo stilare una graduatoria della pericolosità sociale, proprio per questo, rischiereste di finire in testa a tutti, anche a quelli che difendete...)
Tanto scandalo per avere lei sostenuto certi esami professionali in quel profondo Sud che non le piace troppo, è forse l'inevitabile gioco delle parti in una società in cui non cambia nulla. In cui Cristo si è fermato ad Eboli, e chi aspetta giustizia sta sempre una stazione troppo in là. In cui, mezzo secolo fa, noi studenti del Nord sapevamo che le lauree al Sud erano talora qualcosa di più leggero da conseguire.
Quindi gli scandali odierni (o presunti tali) in noi che abbiamo una certa età non destano alcuna sorpresa. Anche perché sappiamo che poi la famiglia politica, o quella sindacale o quella ecclesiastica o quella massonica sono i luoghi deputati alla promozione ed alla sorte delle carriere negli ospedali, nella scuola, nella magistratura. Insomma là dove c'è una sedia, la scelta del deretano che vi si deve posare delicatamente per diritto naturale o soprannaturale è sempre qualcosa che in molti casi, in moltissimi casi, in troppi casi, è addirittura deciso prima della pubblicazione dei bandi di concorso.
All'università, si è letto poco tempo fa, mancano soltanto i nomi dei vincitori in quei bandi.
Caro Ministra, lei risponda alle critiche con una modesta constatazione: "Rappresento quest'Italia alla quale pochi si rivoltano...". La maggioranza è quella che conta in democrazia, lo sanno tutti. Vada orgogliosa dei suoi esami professionali nel profondo Sud. Sarà un motivo in più per tanti a cui nessuna carriera arrise, per dire che fatta l'Italia tanto tempo fa, vanno ancora fatti gli italiani, e forse sarà sempre un traguardo irraggiungibile. Sarà così, lei, proprio il ritratto perfetto delle imperfezioni italiane che hanno reso grande la sua parte politica. Che di lei andrà gloriosa ora e sempre. E così sia.
Antonio Montanari





Inserire un commento su questa pagina:
Il tuo nome:
Il tuo indirizzo e-mail:
La tua Homepage:
Il tuo messaggio:
 
  Oggi ci sono stati già 31184 visitatori (96962 hits) qui!  
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=

il Rimino - Riministoria. A cura di Antonio Montanari